CORRI NONNO, CORRI

Una piccola avventura autobiografica

L’entusiasmante avventura di due ultracinquantenni che ritrovano, insieme alla forma fisica, la gioia di vivere, entrando giornalmente a contatto con la natura.
La sedentarietà e la monotonia del tran tran quotidiano, portano irrimediabilmente, superata una certa soglia di età, a un fisico non più in condizione di sopportare il peso e lo stress, ai quali è stato sottoposto negli anni giovanili. I primi acciacchi cominciano a fare capolino, i controlli medici non risultano più regolari come in precedenza e allora non resta che una cosa: iniziare a prendersi cura di sè stessi.
Il suo metodo, semplicissimo, consiste nel correre, ma con le precauzioni, i tempi e le modalità che l’età non più giovanissima richiede.
Un libro solare, che restituisce fiducia e speranze forse date per perdute.

3 motivi per leggere questo libro:


 

Questo volume autobiografico racchiude la storia di una decisione non semplice, ma di grande impatto sulla vita personale di un individuo. Rimettersi in forma, dopo i cinquant’anni, non significa soltanto perdere peso, ma andare a demolire passo passo tutti preconcetti che nel tempo si sono sedimentati nella propria mente: luoghi comuni, inutili scuse, scarsa autostima… Massimo Zona tiene per mano il lettore e propone un nuovo modo di approcciarsi alla corsa e al vivere bene.

Qui il lettore troverà spunti utili e interessanti riflessioni su tutti quei blocchi tanto mentali quanto fisici che impediscono alle persone di prendersi davvero cura di sé. La perdita di peso è la logica conseguenza di un percorso interiore e della condivisione del proprio viaggio.

Non esistono ricette preconfezionate e l’autore non si arroga il diritto di fornire una dieta specifica, imponendo esercizi mirati. Gi argomenti trattati saranno tuttavia vari: la motivazione e i presupposti necessari, la composizione corporea e lo studio del percorso, le reazioni degli altri e le visite mediche…


Come ogni macchina il corpo umano ha bisogno di una manutenzione attenta e continua, alle parti meccaniche, alla carrozzeria e specialmente al motore.
Chi di voi lascerebbe marcire in garage la propria vettura, senza controllare l’olio, la batteria, le gomme, gli interni?
Il fisico, il nostro fisico, è lo stesso. Esige cure e controlli continui.

Corri nonno, corri – Massimo Zona


 

https://www.massimozona.it/wp-content/uploads/2024/05/179773_291067727655890_1560661256_n.jpg