Teatro Romano dell'antica Cales

Rosso Teatro

Rosso Teatro è il primo romanzo della serie Mauro Baveni Detective, ideata e scritta da Massimo Zona.

C’è nel romanzo una scenografia veramente fantastica, che porta il lettore ad immergersi totalmente nell’azione del protagonista.
Poche, ma essenziali e rapide pennellate, offrono immediatamente la dimensione spazio-temporale nella quale immergersi e partecipare all’azione, come se il lettore ne fosse protagonista.
Ciò, unito alla non comune capacità di rendere la lettura oltremodo scorrevole, rende il romanzo sempre interessante e coinvolgente.
Il ritmo è incalzante dal primo all’ultimo capitolo, la trama è intrigante, così da stuzzicare la curiosità, a tratti quasi ansia, di conoscere l’esito finale.
E la storia si dipana in tanti ruscelli, in molti casi veri e propri torrenti, che conducono tutti, in forma più o meno tumultuosa, al fiume principale, dove, lungi dall’acquietarsi, si fondono al resto di acque mai completamente tranquille.

Non c’è nulla di tranquillo, infatti, nell’esistenza di Mauro Baveni, cui la vita ha regalato tante qualità positive, ma anche un certo malessere esistenziale, forse frutto di una vita vissuta sempre al massimo. Difficilmente il protagonista potrà trovare la propria tranquillità, per lo meno non nel senso comune del termine.

Alla fine, resta la visione di quel teatro romano, rosso nella luce di un tramonto bellissimo, e di quel vino che da esso prende il nome, evocando altre e meno romantiche sensazioni.
Un libro da leggere tutto di un fiato.

Scarica a questo link un estratto del libro.